Retrocomputing: li riconoscete?

Tecnopolo (RM), 18 luglio:
Il PC italiano e il chip USA

Una giornata dedicata alla vera storia del computing domestico e personale nella casa delle start-up tecnologiche romane.

Registratevi su Facebook! 

Parteciperanno Ray Holt (qui a sinistra), co-designer del primo microprocessore della storia, e (foto a destra) Gastone Garziera, co-designer della Perottina (il primo personal computer del mondo, presentato da Olivetti nel 1965).

L’evento è organizzato con la collaborazione dell’associazione Vintage Computer Club Italia, che esporrà i principali device che hanno fatto la storia del computing domestico e personale (Perottina, Altair, Apple I e II, Pet, Trs-80 e molti altri: li riconoscete, nel collage in alto a sinistra?).

Per l’occasione verrà presentata The Accidental Engineer, la biografia di Ray Holt in inglese, in ebook e probabilmente su carta, e la nuova versione di From Dust to the Nanoage, l’unico libro al mondo che includa la storia di Holt nell’evoluzione dei microprocessori.

Si ringrazia Dario Casciero per la collaborazione

Mattina

Expo e Networking

10:00-14:00

Pomeriggio

Expo e Networking (piano terra)

Sala convegni (piano -1)

15:00 Leo Sorge: introduzione e ringraziamenti (10 min)
15:10 Ettore Perozzi (Asi)
“Planetari digitali: la meccanica celeste e i calcolatori elettronici”
15:30 Gastone Garziera racconta la Perottina (20-30 min)
16:00 Ray Holt racconta il suo chip (20-30 min) e mostra i chip e le schede SuperJolt, l’Arduino dell’epoca;
16:30 Q&A
16:50 Ray Holt presenta la sua autobiografia, “Accidental Engineer” (10 min);
17:00 Paolo Cognetti presenta “1977/1987 – Quando il computer divenne personal” (5 min); Leo Sorge presenta “From Dust to the Nanoage” [ebook paper] (5 min); Fabio Carletti presenta “Non è nato in un garage” [ebook, paper] (5min).

 

Scheda tecnica dell’evento

Esposizione ed incontri dalle 10 alle 19;
Convegno di mezza giornata nella sala conferenze (italiano ed inglese).
Presso Bic Lazio Tecnopolo (Mappa)
Target generale: stampa e TV
Target locale: appassionati di Vintage computing, giornalisti, appassionati, followers del podcast FantaScientifiCast

Audience previsto: 100+

 

2 pensieri riguardo “Retrocomputing: li riconoscete?

  • 15 luglio 2017 in 08:19
    Permalink

    Gastone Garziera non è stato co-designer della P101 (designer era Mario Bellini) ma è stato co-progettista

    Risposta
    • 15 luglio 2017 in 09:07
      Permalink

      Ho sempre usato il termine “design” con il senso principale di “progettare”. In italiano lo usiamo prevalentemente per la parte estetica. Sai consigliarmi una traduzione migliore?

      Risposta

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *